torna indietro
dom 28 mag
CID - Centro Internazionale della danza
11-20
 

Danze e suoni del Sud Italia

Una giornata di danza e musica suddivisa in tre diversi momenti.
La prima parte della giornata sarà un piccolo viaggio tra i differenti balli che caratterizzano i luoghi del Sud Italia.
Un viaggio musicale e danzato, arricchito di letture e racconti su alcune tra le feste e ritualità più belle del nostro meridione. Nel pomeriggio ci si addentrerà in un lavoro più creativo e d'improvvisazione con l'obbiettivo di condurre il gruppo ad una piccola performance da presentare prima del concerto serale.
La sera, dopo la performance, concerto serale e festa!
Il laboratorio proposto è della durata di 5 ore ed è rivolto a tutti coloro che vogliano avvicinarsi al mondo delle danze del sud Italia, pur non avendo precedenti studi musicali o di danza.

PROGRAMMA:

Ore 11.00 - 13.00
VIAGGIO TRA LE TARANTELLE DEL SUD ITALIA

condotto da Manuela Rorro

L'obiettivo è quello di condurre gli allievi a riscoprire forme di ballo tradizionale sopravvissute fino a noi e farne proprie le figure, la storia, la gestualità e scoprire i differenti stili di ballo e la loro evoluzione contemporanea.
Al termine del laboratorio è previsto un lavoro con i partecipanti per la creazione di una piccola performance da presentare prima del concerto serale.
Partiremo dalla Puglia con lo studio della pizzica pizzica per poi approfondire alcuni tra i balli più noti e di cui ho avuto conoscenza diretta, appartenenti al Sud Italia: ballo sul tamburo (tammurriata stile agro-nocerino-sarnese), tarantella carpinese (Gargano), sonu a ballu (tarantella calabrese), tarantella di Montemarano (Irpinia).


Ore 14.30 - 17.30
TARANTA ATELIER

condotto da Maristella Martella

Laboratorio di danza teatrale sugli aspetti simbolici, coreutici e rituali del Tarantismo e della Pizzica salentina.

Il linguaggio coreutico e teatrale contemporaneo offre diverse possibilità di lettura e di interpretazione dei codici tradizionali e delle loro trasformazioni. Durante il laboratorio di danza teatrale, Taranta Atelier, si studiano i passi dei differenti stili di Tarantella, si creano coreograficamente sequenze danzate e insieme si costruisce una storia, il cui tema è “il Tarantismo, oggi”.
Più che lo storico locale, può entrare in contatto col mondo del Tarantismo l'artista che ha provato nel vivo della sua ricerca cosa significhi la dissoluzione della forma. L'artista d'avanguardia dissolve distinzioni e gerarchie in una dimensione fluttuante, e le rivive in una situazione per cui tutto ora può comporsi con tutto, fuori da imposizioni preordinate, o da trame necessarie, o da percorsi segnati.
La danza popolare è una danza aperta a tutti, agli uomini e alle donne, ai danzatori esperti e ai neofiti, agli anziani e ai bambini.


Ore 19.30
PERFORMANCE E CONCERTO SERALE
condotto dal Salentrio

LUCA BUCCARELLA: voce, organetto diatonico, armonica a bocca, tamburello
MASSIMILIANO DE MARCO: voce, chitarra, mandolino, irish bouzuki, tamburello
ROBERTO CHIGA: tamburi a cornice, cajon, rik, darbouka, cassa a pedale

Il trio propone propone un vasto repertorio che spazia dagli stornelli di diverse regioni del sud Italia, ai canti alla stisa , dalla pizzica pizzica, alle suonate di barberia, dai brani di loro composizione ai valzer Francesi e forro' Brasiliani.
Il Salentrio fa parte di un progetto più ampio con il gruppo Kalàscima, una delle più importanti ed innovative band del nuovo panorama della musica world italiana.

Quando:
Domenica 28 maggio

dalle 11.00 alle 13.00 Laboratorio condotto da Manuela Rorro
dalle 14.00 alle 17.00 Taranta Atelier condotto da Maristella Martella
dalle 19.30 performance e concerto serale con Salentrio 

Costo:
60 euro per intera giornata d'attività
5 euro per assistere alla performance e al concerto serale

Dove:
CID-Centro Internazionale della Danza

Per partecipare è necessario effettuare l'iscrizione telefonando allo 0464 431660 o scrivendo a cid@centrodelladanza.it

Ricordiamo che i posti sono limitati e che le attività del CID saranno attivate previo raggiungimento di un numero minimo di iscritti è quindi fondamentale che le iscrizioni pervengano il prima possibile.

La quota d'iscrizione non sarà rimborsata in nessun caso.