torna indietro
sab 15 feb - dom 16 feb
CID - Centro Internazionale della Danza
 

La creazione coreografica tra virtualità e interattività

Il laboratorio condotto da Ariella Vidach e Claudio Prati invita il gruppo di partecipanti a indagare i processi performativi nell’ambito delle nuove tecnologie e la relazione tra natura umana e artificiale, tra uomo e robotica, tra corpo ed ambienti sensibili. Il percorso nasce con l’obiettivo di offrire strumenti base per sviluppare una partitura sonora e coreografica interattiva che ha come protagonista la relazione tra uomo e “macchina-automa-sistema”, in un percorso costellato di movimenti, suoni e immagini.
Il laboratorio della durata di 2 giorni si sviluppa in una prima fase di tre ore di studio dei programmi e dei sistemi interattivi realizzati dalla compagnia per i propri spettacoli con approfondimenti tecnici ed estetici.
Una seconda fase di nove ore sarà invece di natura esperienziale: in un primo momento si sperimenterà l’effetto delle sequenze di movimento su suoni e immagini attraverso l’uso di alcune applicazioni sviluppate per le produzioni della compagnia. Alcuni esempi: INaxyz, basato su accelerometri, voxLIVE, basato sul microfono, SLS e LMP per gestire in tempo reale suoni ed immagini.
In un secondo momento si inviteranno i partecipanti a sperimentare e a costruire un progetto d’interazione tra elementi ibridi (o appartenenti alle diverse dimensioni del reale), a partire dal brainstorming attraverso la condivisione teorica degli immaginari, sino ad arrivare a un’ipotesi e a una pratica minima di realizzazione.

A chi si rivolge?

Il laboratorio è rivolto a coreografi, danzatori, performer, musicisti, compositori, interaction designer, artisti visivi e new media, studenti, filosofi, giornalisti, critici, studiosi.
Caratteristiche e competenze richieste:
basi di movimento, attitudine alla sperimentazione e all’interdisciplinarità nei linguaggi

Ariella Vidach
Danzatrice e coreografa, inizia a lavorare come coreografa a New York dove si trasferisce negli anni ’80, ispirata dai lavori dei più significativi artisti della postmodern dance generation come Trisha Brown, Dana Reitz, Steve Paxton, con lo scopo di approfondire il suo studio sulla danza contemporanea. Co-fondatrice di Avventure in Elicottero Prodotti, fondata nel 1988 a Lugano e crea nel 1996 con Claudio Prati, la compagnia Ariella Vidach - AiEP con la quale produce numerose performance multimediali, tra le quali: Exp ('96), Drans ('98) and Beat Box ('00), Opus (2001), Buffers (2003), DanxyMusic (2004), Id (2005), Intervita (2007), .Mov (2009), Vocset (2013), Temporaneo Tempobeat (2016), HABITdata (2017), Hu_robot (2018), Minority Party (2019)
La compagnia Ariella Vidach - AiEP ha la propria sede all’interno di Fabbrica del Vapore a Milano, uno spazio di archeologia industriale, rinnovato e predisposto ad ospitare realtà e proposte culturali.
Attualmente insegna presso la Scuola D’Arte Drammatica Paolo Grassi e l’accademia di Belle Arti di Brera e continua la sua ricerca producendo spettacoli riguardanti il rapporto tra corpo e tecnologia.
Nel 2017 riceve il riceve il “premio speciale” ai Premi della danza svizzera.

Claudio Prati
Diplomato in scultura presso l’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano, nel 1986 si trasferisce a New York dove studia con il prof. Peter Campus nei corsi M.A di Videoart e Special Project Mixed Media. Tornato a Lugano nel 1988, inizia l’attività di produzione fondando l’Associazione culturale Avventure in Elicottero Prodotti, collettivo artistico con cui realizza performance multimediali e organizza workshop di teatro, danza e nuove arti visive. Nel 1996 l’Associazione si amplia con la nascita a Milano della compagnia Ariella Vidach – A.i.E.P., di cui è socio fondatore e co-produttore, con la quale svolge attività di ricerca sulle possibilità performative delle tecnologie digitali e dei sistemi di Motion Capture applicati alla danza.
Dal 2005 cura la regia di Meet The Media Guru, una rassegna che presenta le personalità culturali internazionali più significative del nostro tempo. Dal 2009 è co direttore artistico dei progetti NAO Nuovi Autori Oggi impegnandosi nella promozione e diffusione dei saperi legati alle nuove tecnologie alle nuove generazioni di autori. Produce con ariella vidach AiEP diverse performance di danza interattiva tra cui .MOV (2009), RELAIS (2012), VOXsolo (2014) VOCset (2015), Temporaneo TempoBeat (2016), HABITdata (2017), Hu_robot (2018) e Minority Party (2019). Vive e lavora a Lugano e a Milano.
Nel 2017 riceve il “premio speciale” ai Premi della danza svizzera.


MODALITÀ DI ISCRIZIONE E PAGAMENTO:

Quando:
Sabato 15 febbraio 2020 dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 17
Domenica 16 febbraio 2020 dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 17
Dove: CID - Centro Internazionale della Danza - Corso Rosmini 58, Rovereto (TN)
Livello: Intermedio
Costo: 120 euro
Per i possessori di “Carta In Cooperazione” Coop Trentino sconto del 5%.
Per i possessori di Oriente Occidente Emozioni 2020 sconto del 10%.
Early booking: se prenoti entro il 20 dicembre 2019 avrai il 20% di sconto sulla quota di iscrizione.

Per l'iscrizione puoi procedere:
- online --> clicca sul riquadro ISCRIVITI in alto a destra (pagamento online con carta di credito, poste pay o prepagata)
- telefonicamente chiamando lo 0464 431660
- tramite mail scrivendo a cid@centrodelladanza.it ed inviando il modulo d'iscrizione >> clicca qui


Poiché i laboratori verranno avviati dal CID previa raggiungimento di un numero minimo di iscritti è fondamentale che le iscrizioni pervengano il prima possibile.

La quota d'iscrizione non sarà rimborsata in nessun caso. 

 
Photo Michela Di Savino